"Viaggiare è dilatare la misura del tempo, sorprendersi della inadeguatezza dell’immaginazione di fronte alla inesauribile mutabilità dell’Essere, è espandere la misura della mente perché si nutrisca di emozioni e di conoscenza per aprirla alla comprensione e al rispetto e poi all’amore per tutte le manifestazioni del creato."

Silvano Anania

Locandina.jpg

Sono nato tanti, tanti, tanti anni fa, quando le classi chiamate alle armi erano sempre di ferro, anche se non era vero, e quando capitava che a causa di un lontano cugino iscritto al PCI non ti ammettevano al corso ufficiali. Non voglio dire di più, salvo che sono un Acquario verace con ascendente Capricorno.

Nonostante sia l’anagrafe di Francavilla al mare, in Abruzzo, ad avere registrato la mia nascita, nelle mie vene scorre sangue apulo-normanno-siciliano, con consistenti sfumature napoletane, tanto da avere meritato un decisivo aiuto da parte di San Gennaro nel superare recentemente un inaspettato e molto serio malanno.

Da Roma, - dove sono vissuto in seno ad una numerosa famiglia di magistrati poeti e pittori fino a ventiquattro anni e dove mi sono laureato in giurisprudenza, - sono emigrato prima a Venezia – dove mi sono trattenuto per oltre tre anni a lavorare presso l’Istituto della Previdenza Sociale – e poi definitivamente ad Arezzo, dove ho svolto le funzioni di pretore e poi di pubblico ministero fino al 1997 e...
ancora

scrittore

ilchiodofisso.jpg

Il chiodo fisso

Sollevò per un attimo la palpebra dell’occhio buono per misurare l’intensità della luce nella stanza. Un brandello dell’ultima immagine del sogno interrotto bruscamente, forse dall’incalzare di un vago stimolo dell’antica prostata, sfumò sul quadro ovale sopra il comò con la figura incerta di una donna. Prese finalmente consapevolezza del risveglio. A meno che il cielo non fosse stato coperto, doveva mancare solo qualche minuto alle sette. Di lì a...
ancora


copertina-lospite.jpg

L'ospite

Una storia dove la banale attualità di un incontro esotico sulle spiagge dell’isola di Zanzibar riporta la memoria a un intrigo di amore e morte nell’Etiopia degli anni’70, raccontata dal protagonista con l’ambiguità di due realtà parallele, e forse del sogno, nelle quali l’erotismo assume via via il colore del giallo.

Il libro su iTunes.



viaggiatore

Nabibia-119.jpg

galleria